HP Trulife

Trulife

Trulife oltre 60 anni fa, ha sviluppato quella che sarebbe divenuta la prima protesi mammaria esterna al mondo.

 

Ricerca, innovazione e massima sicurezza dei materiali, comfort ed estetica pari al seno naturale completata da una gamma di reggiseni studiati nei minimi dettagli per indossare la protesi mammaria in modo naturale, sono parte integrante del lavoro che ogni giorno viene sviluppato in Trulife. Realizzare protesi mammarie di elevata qualità con un’estetica perfetta, significa per Trulife, ascoltare le donne operate al seno, parlare con le Associazioni, collaborare attivamente con il personale sanitario. Dopo un intervento chirurgico al seno, può essere difficile per una donna adattarsi ai molti cambiamenti nella propria vita e venire a patti con un nuovo aspetto fisico, estetico, relazionale e psicologico. Questa condizione di adattamento a una nuova vita sociale, famigliare e relazionale della donna, è per noi di primaria importanza per lo sviluppo e il costante miglioramento dei nostri prodotti. Ogni donna ha un suo personale stile di vita che deve poter contare sul ritrovare la migliore serenità per riprendere fiducia in sé stessa così come la propria autostima. Da 60 anni, siamo attenti ad ascoltare le donne operate al seno perché queste donne, meritano quanto vi è di meglio. 

Prodotti

Consigli pratici

Protesi e rimborso

Protesi mammarie e rimborso

Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) fornisce gratuitamente ausili, presidi e protesi alle persone con invalidità superiore al 35% e agli altri beneficiari previsti dal Decreto del Ministro della Sanità n. 332 del 1999, tra i quali le donne operate al seno e coloro che sono in attesa del riconoscimento di invalidità. La richiesta di prescrizione degli ausili deve essere effettuata dallo specialista dipendente o convenzionato all’ASL o, comunque, da un presidio sanitario pubblico, sull’apposito modulo rilasciato dall’ASL. La prescrizione deve comprendere: • diagnosi con la dichiarazione della patologia e della sua causa; • codice di riferimento ISO del Nomenclatore: sarà lo specialista che eseguirà la prescrizione a preoccuparsi di identificare il codice corrispondente al prodotto da voi prescelto; • programma terapeutico che indica per quanto tempo deve essere impiegato il presidio e quando devono essere effettuati i controlli medici; • l’indicazione della protesi idonea per la tipologia d’intervento. In seguito alla modifica apportata dal D.Lgs n. 321 G.U. n. 183 del 08/08/2001 non è èiù necessaria la richiesta di invalidità, è sufficiente la prescrizione. Il D.Lgs n. 332 del 1999 sancisce la possibilità di rinnovo della protesi ogni 3 anni (art. 5 comma 3). Inoltre, in caso di smarrimento, rottura accidentale o particolare usura del dispositivo, l’ASL può autorizzare, per una sola volta, la fornitura di un nuovo dispositivo protesico prima che siano decorsi i tempi minimi di rinnovo. Si consiglia din informarsi presso le proprie ASL di riferimento al fine di verificare la gratuità o meno delle protesi

Catalogo